Sei in: Home » Articoli

Cassazione: equa riparazione e durata della correzione dell'errore materiale

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 297/2005) ha stabilito che "il procedimento di correzione della sentenza di cui agli artt. 287 e segg. cod. proc. civ. non costituisce un nuovo giudizio rispetto a quello in cui la sentenza Ŕ stata emessa, ma un mero incidente dello stesso giudizio diretto ad identificare, come giÓ detto, con la sua corretta espressione grafica l'effettiva volontÓ del giudice come giÓ risulta espressa nella sentenza" e che, di conseguenza "il giudice, ai fini dell'accertamento della violazione del termine di ragionevole durata del processo, Ŕ tenuto a considerare anche il periodo di durata del procedimento per la correzione dell'errore materiale della sentenza". Infine i Giudici del Palazzaccio hanno inoltre evindenziato che, ai sensi dell'art. 2, comma 2, della Legge n. 89 del 2001, nell'accertare la violazione, il giudice deve considerare "la complessitÓ del caso e, in relazione alla stessa, il comportamento delle parti e del giudice del procedimento, nonchŔ quella di ogni altra autoritÓ chiamata a concorrervi o a comunque contribuire alla sua definizione".
Laggi la motivazione della sentenza
(08/03/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Decreto privacy in vigore: al via l'oblazione
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss