Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Evento morte: ciascun congiunto che agisce iure proprio ha diritto al massimale

Condividi
Seguici

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 2653/2005) ha stabilito che "la qualificazione anche degli stretti congiunti della persona deceduta (o gravemente menomata a seguito dell’incidente) come possibili persone danneggiato è insita nel fatto stesso che, com’è assolutamente pacifico, anche a loro può essere riconosciuto (ed è stato nel caso in esame riconosciuto) il diritto al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale derivato dall'evento mortale". I Giudici della Corte hanno precisato che "quando gli stretti congiunti agiscono jure proprio per il risarcimento del danno derivato a loro stessi dalla morte (o dalle gravi menomazioni) della vittima primaria in ragione dello stretto rapporto parentale che alla stessa li lega (va) , essi prospettano allora la lesione di un diritto proprio (al rapporto parentale), derivato dallo stesso fatto che ha provocato la morte dello stretto congiunto e ad esso causalmente collegato, ex articolo 1223 Cc, in applicazione del principio di regolarità causale" e che "in questo caso il limite del risarcimento non è, cumulativamente per tutti, quello previsto per una sola persona danneggiata; ma è, distintamente per ognuno di loro, quello previsto per ciascuna persona danneggiata".
Leggi la motivazione della sentenza
(22/02/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» La famiglia nel diritto: evento in corso di accreditamento per crediti formativi avvocati
» Carcere se il marito versa alla moglie solo una piccola parte del mantenimento
» Il reato di bancarotta
» La sicurezza sui luoghi di lavoro
» Guida con il cellulare: stop patente gi alla prima multa

Newsletter f t in Rss