Sei in: Home » Articoli

Diffamazione e immunità parlamentare: è punibile il politico che insulta un collega

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 1600/05, ha stabilito che chi diffama pubblicamente un avversario politico non può invocare l'immunità in quanto manca qualsiasi nesso funzionale con l'attività parlamentare. Più precisamente, i Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che “non è invocabile l’improcedibilità dell’azione penale per il reato di diffamazione, ai sensi dell’art. 68 Cost., qualora un deputato proferisca insulti all’indirizzo di un altro deputato, non potendo farsi rientrare tale condotta nel legittimo esercizio dell’attività parlamentare, mancando un qualsiasi nesso funzionale fra la condotta e le attività tipiche o atipiche del Parlamento”.
(14/02/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati
» Avvocato whistleblower: potrà denunciare giudici e cancellieri in anonimo
» Il reato di bancarotta
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» Ecco la riforma del processo penale

Newsletter f t in Rss