Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Disconoscimento paternità: sollevata questione di costituzionalità sulla prova dell'aduleterio della moglie

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Ordinanza 10742/2004) ha sollevato eccezione di costituzionalità sull'art.235 del codice civile (che regola l'azione di disconoscimento di paternità) nella parte in cui richiede, quale presupposto dell'azione, la prova dell'adulterio della moglie. I Giudici del Palazzaccio, in relazione alla questione relativa al disconoscimento di paternità, hanno infatti osservato che "in presenza di un progresso scientifico che consente di ottenere direttamente (e quindi senza passare attraverso la dimostrazione dell'adulterio) una sicura esclusione della paternità", non appare ragionevole richiedere la preventiva prova dell'adulterio della moglie e, inoltre, "che l'adulterio in sé, inteso come violazione dell'obbligo della fedeltà nei confronti del coniuge, è irrilevante ai fini del disconoscimento di paternità, che coinvolge altri valori ed interessi". Con questa decisione i Giudici della Corte hanno rimesso gli atti alla Corte Costituzionale affinché si pronunci in materia.
Leggi la motivazione della sentenza
(28/01/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss