Sei in: Home » Articoli

Corte Giustizia UE: Sentenza nozione di contratto concluso con consumatore-professionista

La Corte di Giustizia UE si è espressa in materia di giurisdizione con riferimento a quanto previsto dalla Convenzione di Bruxelles del 1968 in relazione ai contratti conclusi con consumatori. In particolare, in un caso di dubbio sulla natura dell'attività svolta dall'acquirente, la Corte ha deciso che un soggetto che ha stipulato un contratto relativo ad un bene destinato ad un uso in parte professionale ed in parte estraneo alla sua attività professionale non ha il diritto di avvalersi del beneficio delle regole di competenza specifiche previste dagli artt. 13-15 della Convenzione di Bruxelles, a meno che l?uso professionale sia talmente marginale da avere un ruolo trascurabile nel contesto globale dell?operazione di cui trattasi, essendo irrilevante a tale riguardo il fatto che predomini l?aspetto extraprofessionale.
Secondo la Corte spetta al giudice adito decidere se il contratto in questione sia stato concluso per soddisfare, in misura non trascurabile, esigenze attinenti all?attività professionale del soggetto di cui trattasi ovvero se, al contrario, l?uso professionale rivestisse solo un ruolo insignificante, a tal fine il giudice deve prendere in considerazione tutti gli elementi di fatto rilevanti che risultano oggettivamente dal fascicolo; non occorre invece tener conto di circostanze o di elementi di cui la controparte avrebbe potuto prendere conoscenza al momento della conclusione del contratto, a meno che il soggetto che fa valere lo status di consumatore non si sia comportato in modo tale da far legittimamente sorgere l?impressione, nella controparte contrattuale, di agire con finalità professionali. Ricordiamo che, ai sensi della citata Convenzione, l?azione del consumatore può essere proposta sia davanti ai giudici dello Stato contraente nel cui territorio la controparte ha il proprio domicilio, sia davanti ai giudici dello Stato contraente nel cui territorio è domiciliato lo stesso consumatore. (Corte di Giustizia delle Comunità Europee - Seconda Sezione, Sentenza 20 gennaio 2005: Convenzione di Bruxelles ? Art. 13, primo comma ? Condizioni di applicazione ? Nozione di ?contratti conclusi da consumatori? ? Acquisto di tegole da parte di un agricoltore per la copertura di una fattoria ad uso in parte privato ed in parte professionale).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(31/01/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Paga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i duePaga i danni a madre e figlio il padre che ostacola i rapporti tra i due
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF