Sei in: Home » Articoli

Maltrattamento di animali: il reato sussiste anche se non c’è violenza fisica

Anche se sono molti coloro che amano la compagnia degli animali domestici, non tutti in realtà rispettano le loro esigenze e capita, più spesso di quanto non si possa immaginare, che gli amici a quattro zampe si trovino a vivere in condizioni non adeguate alla loro natura. Sull’argomento è ora intervenuta la Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (sentenza n. 9547/02) precisando che la nozione di “maltrattamento” utilizzata dal legislatore penale, fa riferimento non solo alla violenza fisica, ma anche a tutti quei comportamenti che, più in generale, non sono rispettosi delle esigenze di vita dell’animale. In questi casi, peraltro, la fattispecie criminosa è configurabile anche a titolo di colpa.
Alla stregue a di tali principi, la Cassazione ha confermato la condanna inflitta ad un uomo che, pur non avendo mai percosso il suo cane, lo aveva costretto a vivere in uno spiazzo angusto e buio costituito da una vecchia capanna di appena sei metri.
(03/06/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1 gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss