Sei in: Home » Articoli

Mercato di voto e concordato fallimentare

Condividi
Seguici

Il pagamento di una somma (al di fuori della procedura concorsuale, in cui ai creditori chirografari sarebbe stato comunque assicurato il pagamento del 25% dei rispettivi crediti) da parte degli assuntori del concordato fallimentare in favore di un creditore costituendo il “corrispettivo” per la disponibilità del voto e dell’accordo di postergazione di crediti verso il fallimento che tale creditore dichiarava di poter “controllare”, integra la fattispecie di cui all’art. 233 l.f. e la nullità di siffatta pattuizione assumendo, nell’ambito complessivo della convenzione, valore determinante comporta la nullità dell’intero contratto ai sensi dell’art. 1419 c.c..
Nella decisione
(16/01/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati
» Avvocato whistleblower: potrà denunciare giudici e cancellieri in anonimo
» Il reato di bancarotta
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» Ecco la riforma del processo penale

Newsletter f t in Rss