Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la 'carriera' di ladro è stroncata, niente prigione

Professionista del furto cadde mentre tentatava di rubare in una casa, si procurò ''gravi fratture'': la sua 'carriera' di ladro è ormai stroncata non andrà in prigione. E' il senso di una sentenza della Corte di Cassazione che concede, per così dire, un 'premio' a, Haris J., un 36enne extracomunitario che ''aveva tentato di introdursi nell'abitazione di una signora fiorentina, Rossana B., ma era caduto per il cedimento di un ferro della ringhiera del terrazzo''. In seguito alla caduta, il ladro aveva riportato ''gravi lesioni''. Per questo il Tribunale di Pisa, in primo grado, e la Corte d'appello di Firenze, nel dicembre 2003, avevano inflitto all'extracomunitario quattro mesi di reclusione e 200 euro di multa, con la sospensione condizionale, per il tentativo di ''furto aggravato''. Sentenziarono i giudici che le lesioni dell'extracomunitario ''avevano determinato condizioni fisiche irreversibili che sicuramente non gli consentiranno più di avvicinarsi al crimine''. Giudizio condiviso dalla Quinta sezione penale della Cassazione (sentenza 46815/04) che è andata oltre la pronuncia di merito, colmando la sua ''omissione''.
(18/12/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss