Sei in: Home » Articoli

Privacy: informare si ... ma con sobrietà

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 15/21 novembre 2004), intervenendo sul caso di una giovane uccisa, è tornato a ribadire che l'informazione deve essere fornita nel pieno rispetto dei diritti e della dignità delle vittime e che i giornalisti devono valutare, con la massima attenzione e responsabilità, la effettiva necessità di riferire dettagli e particolari non essenziali ai fini di una corretta informazione sulla vicenda anche tenendo presenti le disposizioni penali che tutelano la riservatezza delle vittime di violenza sessuale.
(17/12/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss