Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenza di alzare la voce con il capo in ufficio

Licenza di alzare la voce con il capo in ufficio. Lo sancisce la Corte di Cassazione che ha reso definitiva l'assoluzione di un giovane impiegato di 27 anni che, nel corso dell'ennesima lite sul posto di lavoro con il suo superiore, gli aveva detto agitandogli i pugni davanti al viso: ''mi fai ridere'' e minacciandolo, ''stai molto attento''. Per la suprema corte questo tipo di comportamento va assolto in quanto deve essere inquadrato nel ''contesto di discussioni avvenute nell'ambiente di lavoro''. I fatti analizzati dalla V sezione penale risalgono all'agosto del 2002. Dino A. un 27enne veneziano finė davanti al giudice di pace di Venezia per essersi rivolto ad un suo superiore Luca V. di 42 anni, dicendogli appunto ''mi fai ridere'' e minacciandolo con agitando i pugni ''stai molto attento''. Imputato per i reati di ingiuria e di minaccia, Dino A. venne assolto dal giudice di pace di Venezia nell'aprile del 2003, invano il superiore offeso si č rivolto alla Cassazione sostenendo che le offese erano ripetute ''in pių occasioni'' e che erano state sentite da altri colleghi d'ufficio.
(05/12/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Fumo in spiaggia: i divieti dell'estate 2018
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Buoni pasto a rischio per migliaia di lavoratori statali
» Manifestazioni pubbliche e sagre: le nuove regole

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss