Vediamo quali sono i criteri che il magistrato deve seguire in tema di assegnazione della casa coniugale
Quando una coppia divorzia la casa coniugale viene assegnata a chi vivrà con i figli, indipendentemente da altre valutazioni di tipo economico. Lo ha deciso una recente sentenza della Corte di Cassazione (n.11696/2001) affermando il principio che l'assegnazione della casa va fatta tenendo conto soprattutto dell'interesse dei figli e non delle condizioni economiche dei coniugi.

Feedback

In evidenza oggi: