Sei in: Home » Articoli

Scusabilità dell’ignoranza della legge penale: l’errore inevitabile e la buona fede

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione, con sentenza 8 aprile 2002-6 febbraio 2002, ha affermato che "l’inevitabilità dell’errore sulla legge penale o la pretesa buona fede in base alla sentenza n. 364 del 1988 della Corte costituzionale non costituisce una causa indiscriminata di scusabilità, ma deriva da particolari situazioni in cui il predetto errore è inevitabile". Ne consegue che chi svolge attività in un determinato settore, ha l’obbligo di informarsi sempre preventivamente della normativa vigente e, nel caso di dubbio, deve astenersi dal porre in essere la condotta.
Nessun rilievo dunque possono assumere le modeste condizioni socio-culturali dell’agente. Alla stregua di tali principi, la Suprema Corte ha rigettato il ricorso di un imputato che aveva esercitato la caccia in una zona in cui era vietata e che aveva dedotto la mancata conoscenza della planimetria del Parco Nazionale.
(23/05/2002 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Una legge per punire chi avvelena i cani
» Reddito di cittadinanza e quota 100 ok al decreto
» Il Codice della crisi e dell'insolvenza
» Addio definitivamente all'assegno di divorzio con la nuova convivenza
» Il mutuo condominiale
Newsletter f g+ t in Rss