Sei in: Home » Articoli

Privacy: assegni bancari "a vuoto" e aggiornamento dei dati nel CAI

Condividi
Seguici

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 1/7 novembre 2004) ha reso noto di essere intervenuto in favore di un imprenditore, iscritto nell'archivio informatizzato CAI (degli assegni bancari, postali e delle carte di credito) e privato dell'autorizzazione ad emettere assegni, per non essere riuscito a dimostrare all'Istituto di Credito, mediante una forma prestabilita, di aver pagato un assegno emesso nei confronti di un suo creditore. Chiamato in causa dall'imprenditore, il Garante ha provveduto a sbloccare l'attività dello stesso riconoscendo la legittimità delle sue richieste e delle sue motivazioni e ordinando l'immediata cancellazione del suo nominativo dall'archivio informatizzato chiamato Centrale d'allarme interbancario che, lo si ricorda, è stato costituito a seguito della depenalizzazione del reato di emissione di assegni senza provvista. Il Garante ha infine precisato che vari riferimenti normativi del Codice sulla protezione dei dati e la stessa disciplina di settore prevedono espressamente l'eventualità di una correzione o l'eliminazione di informazioni inesatte o inserite illecitamente.
(17/11/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro
» Allarme phishing, Agenzia delle Entrate: "non aprite le pec"

Newsletter f t in Rss