La Sezione Sesta del Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sent. n. 6657/04) ha stabilito che la P.A. può verificare in qualunque momento l'esistenza dei requisiti richiesti dalla legge che danno luogo all'assunzione privilegiata. I Supremi giudici amministrativi hanno sul punto chiarito che una volta accertato il venir meno dei requisiti che avevano consentito al dipendente di beneficiare dell'assunzione privilegiata, l'amministrazione è legittimata a risolvere il rapporto di lavoro.
Condividi
Feedback

(02/11/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza