Sei in: Home » Articoli

Privacy: Società coopertive e convinzioni religiose dei propri soci

Condividi
Seguici

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 4-10 Ottobre 2004) ha reso noto di aver autorizzato, con un provvedimento ad hoc, una società cooperativa di assicurazioni (che ne aveva fatto richiesta), a trattare i dati relativi alla convinzione religiosa dei propri soci. L'Autorità ha precisato che la Società potrà farlo limitatamente ai dati e alle operazioni strettamente indispensabili per l'applicazione di una specifica norma del proprio statuto e alle stesse condizioni previste dall'autorizzazione generale n. 5/2004 rilasciata dall'Autorità nel giugno 2004. La particolarità di questa Società Cooperativa di Assicurazioni si trova nel fatto che, secondo quanto stabilito dallo Statuto, la stessa si trova nella condizione di poter raccogliere e conservare anche dati di carattere religioso dei soci che dichiarano di professare la religione cattolica e manifestano sentimenti di adesione alle opere cattoliche e ciò in quanto, a differenza degli altri clienti, tali soci possono essere assicurati a particolari condizioni di favore.
(20/10/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Avvocati: Cassa Forense non può pretendere i contributi oltre i 5 anni
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Google abbandona Huawei: addio ad Android?

Newsletter f t in Rss