Sei in: Home » Articoli

Privacy: maggiore tutela dei minori nel diritto di cronaca

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 4-10 Ottobre 2004) ha reso noto di aver vietato a un editore la diffusione delle informazione idonee a identificare, anche indirettamente, un minore coinvolto in un fatto di cronaca. L'AutoritÓ ha ricordato che nei fatti di cronaca Ŕ vietata la diffusione di informazioni sui minori a maggior ragione quando gli stessi abbiano subito violenze o molestie sessuali e ci˛ in quanto il fatto di renderli identificabili potrebbe far loro rivivere in pubblico i traumi subiti e pregiudicarne l'armonico sviluppo della personalitÓ. Il Garante ha anche stabilito che non Ŕ sufficiente celare il nome della vittima per evitarne il riconoscimento.
Esistono informazioni collaterali che, se riferite, possono causare un'equivalente identificazione, come ad esempio l'indicazione del comune di residenza.
(18/10/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Paga i danni il genitore che offende l'insegnante
» Agenzia Entrate: al via il concorsone per 650 funzionari
» Nessun reato per i cani che abbaiano tutta la notte
» Si pu˛ licenziare il lavoratore in malattia?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss