Sei in: Home » Articoli

Eredità e usucapione

In caso di successione per morte, il coerede può usucapire la quota degli altri coeredi se dopo la morte del ?de cuius? è rimasto nel possesso del bene ereditario. Lo ha affermato la Corte di Cassazione (sent. n. 5226 del 12 aprile 2002) precisando che non è necessaria a tal fine una interversione del titolo del possesso. Non è però sufficiente il semplice fatto che gli altri partecipanti alla comunione ereditaria si siano astenuti dall?uso comune della cosa. E? necessario, secondo la Corte, perché possa maturare l?usucapione che il singolo coerede abbia goduto del bene ?in modo inconciliabile con la possibilità di godimento altrui e tale da evidenziale una inequivoca volontà di possedere uti dominus e non più uti condominus?. La Corte ha voluto precisare peraltro che tale volontà non può essere desunta dal semplice fatto che il coerede abbia amministrato il bene ed abbia provveduto alla sua manutenzione e al pagamento delle imposte giacché si deve presumere che tali attività siano state compiute nella qualità di coerede. Ne discende che per invocare l?usucapione del bene ereditario occorre dimostrare che il rapporto materiale con il bene stesso si è verificato in modo tale ?da escludere, con palese manifestazione del volere, gli altri coeredi dalla possibilità di instaurare analogo rapporto con il medesimo bene?.
(18/05/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss