Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Cassazione: versamento dei contributi in caso di contratti part-time nulli per mancanza di forma

Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. 12269/2004) hanno stabilito che in caso di part time irregolare "l'aspetto contributivo torna ad essere regolato secondo il principio generale della materia, in base al quale è irrilevante la retribuzione effettivamente percepita, se inferiore ai minimi della contrattazione collettiva, ed essa diventa rilevante solo se supera tali limiti". I Giudici della Corte hanno inoltre affermato che "il più favorevole trattamento, quanto agli obblighi contributivi, dettato per il part-time regolare, è una conseguenza non già della prestazione lavorativa a tempo ridotto, ma del rispetto delle formalità previste dalla legge". Con questa decisione la Corte ha risolto il contrasto giurisprudenziale disattendendo il diverso orientamento in base al quale la nullità non produrrebbe effetto per il periodo in cui il contratto ha avuto esecuzione, con la conseguenza che il datore di lavoro sarebbe obbligato alla retribuzione e alla contribuzione secondo la previsione del contratto part-time.
Leggi la motivazione della sentenza
(11/10/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss