Privacy: è legittimo divulgare la notizia delle sanzioni disciplinari per gli iscritti agli albi professionali Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 6/12 settembre 2004), ha stabilito che è legittima la divulgazione del provvedimento disciplinare del Consiglio dell’Ordine a carico di un suo iscritto e ciò a fine di tutela dei terzi. L’Autorità, oltre ad aver affermato che in tali casi non si viola la privacy, neanche se la notizia è data on line, ha precisato che Ordini e collegi professionali possono affiggere nell'albo e pubblicare sulle loro riviste sia cartacee, sia on line le sanzioni disposte nei confronti dei loro iscritti e darne comunicazione ad amministrazioni pubbliche o a privati che lo richiedano e ciò sulla base di quanto disposto dall'art. 61 del Codice in materia di protezione dei dati personali il quale sancisce espressamente che nelle comunicazioni a soggetti pubblici o privati, o in sede di diffusione, anche on line, di dati inseriti nell'albo professionale, può anche essere "menzionata l'esistenza di provvedimenti che dispongono la sospensione o che incidono sull'esercizio della professione".

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: