Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Lavoro subordinato e lavoro autonomo: elementi distintivi

Condividi
Seguici

La Corte di Cassazione Sezione Lavoro, con sentenza n. 4889/02, ha affermato che per distinguere il rapporto di lavoro subordinato da quello autonomo occorre aver riguardo “all’assoggettamento del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore di lavoro e al suo inserimento nell’organizzazione aziendale, da valutarsi con riferimento alla specificità dell'incarico conferitogli e alle modalità della sua attuazione”. Altro elemento rilevante, prosegue la Suprema Corte, è la qualificazione del rapporto compiuta dalle parti al momento della stipula del contratto di lavoro.
Gli altri elementi, quali la continuità della prestazione, il rispetto dell’orario, la cadenza e la misura della retribuzione assumono invece natura sussidiaria nella qualificazione del rapporto. Per concludere, la sentenza in oggetto precisa che lo svolgimento dei controlli da parte del datore di lavoro è compatibile con entrambe le tipologie di rapporto, cosicchè ai fini della qualificazione del lavoro come subordinato occorre valutare se il controllo stesso sia finalizzato all’esercizio del potere direttivo o disciplinare.
(17/05/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Il risarcimento del danno da diffamazione
» Concorsone per 4.900 posti nella PA: firmato il decreto
» Avvocati matrimonialisti: riforma assegno divorzio "rivoluzione copernicana"
» Appalto: le cause di estinzione

Newsletter f t in Rss