Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per l'espulsione dello straniero vanno considerati anche i fatti sopravvenuti

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 11321/2004) ha stabilito che in tema di espulsione dello straniero pericoloso, il Tribunale non può accontentarsi degli elementi contestati dal Prefetto al momento dell'adozione del provvedimento. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti precisato che, in sede di opposizione al decreto espulsivo, il controllo giurisdizionale deve estendersi anche ai fatti sopravvenuti alla misura di allontanamento dal territorio nazionale.
(16/08/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss