Sei in: Home » Articoli

Corte Costituzionale sen. 173 del 10.05 contraffazione opere d'arte

La Corte Costituzionale, con sentenza n.173 interpretativa di rigetto depositata il 10 maggio scorso, con riferimento al Testo Unico di cui al Decreto Legislativo 490 del 1999, ha chiarito che perché vi sia contraffazione di opere d'arte non serve che l'autore sia morto.
Secondo la Corte, infatti: le norme incriminatrici relative alla contraffazione, al commercio e alla autenticazione di opere d?arte contraffatte o alterate, contenute nella legge n. 1062 del 1971 e trasfuse nell?art. 127 del decreto legislativo n. 490 del 1999, continuano ad applicarsi anche alle opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga a oltre cinquanta anni.
Ne consegue che la questione di legittimità costituzionale, essendo stata sollevata sulla base di un'erronea interpretazione della norma censurata, deve essere dichiarata infondata
.
Leggi il testo della sentenza su www.filodiritto.com
(13/05/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF