Sei in: Home » Articoli

Indennità di mobilità per i lavoratori a domicilio

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 4192 del 23 marzo scorso, ha affermato che il lavoratore a domicilio che resti disoccupato a causa di licenziamento per riduzione del personale o per cessazione dell’attività dell’azienda da cui dipende, ha diritto a chiedere l’indennità per mobilità ai sensi dell’art. 7 L. 223/81. Tale beneficio potrà essere accordato, a norma dell’art. 16 della medesima legge, allorchè il lavoratore dimostri di essere alle dipendenze dell’azienda da almeno dodici mesi con un contratto di lavoro a carattere continuativo o comunque non a tempo determinato.
(11/05/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Giustizia: arriva il processo civile "a fisarmonica"
» Notifiche: quando la colpa è dell'ufficiale giudiziario
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero
» Pensioni: arriva la tredicesima
» La prescrizione penale

Newsletter f g+ t in Rss