Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Responsabilità professionale: spetta al medico dimostrare che l'intervento non era di facile esecuzione

Condividi
Seguici

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 10297/2004) ha stabilito che nei giudizi di responsabilità medica, in tema di onere della prova, "quando l'intervento da cui è derivato il danno non è di difficile esecuzione, la dimostrazione da parte del paziente dell'aggravamento della sua situazione patologica o l'insorgenza di nuove patologie è idonea a fondare una presunzione semplice in ordine all'inadeguata o negligente prestazione, spettando all'obbligato fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente e che quegli esiti peggiorativi siano determinati da un evento imprevisto e imprevedibile". I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che "più specificamente, l'onere della prova è stato ripartito tra le parti nel senso che spetta al medico provare che il caso è di particolare difficoltà e al paziente quali siano state le modalità di esecuzione inidonee ovvero a questi spetta provare che l'intervento è di facile esecuzione e al medico che l'insuccesso non sia dipeso da suo difetto di diligenza".
Leggi la motivazione della sentenza
(06/07/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Avvocati: Cassa Forense non può pretendere i contributi oltre i 5 anni
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Sospensione licenza fucile uso caccia
» Riforma magistratura onoraria: ok dal Governo

Newsletter f t in Rss