Sei in: Home » Articoli

Cassazione: perentorio il termine di notifica delle cartelle esattoriali

Condividi
Seguici

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. 10/2004) ha stabilito che è perentorio il termine fissato dall'art. 25 del DPR 602/1973 (nel testo, qui applicabile ratione temporis, anteriore alle modifiche apportate dall'art. 11 D. Lgs.vo 46/1999, con effetti dall'1.7.1999; e poi dall'art. 1 comma primo lett. b) D. Lgs.vo 193/2001, con effetti dal 29.6.2001) e che prevede che "l'esattore, non oltre il giorno cinque del mese successivo a quello nel corso del quale il ruolo gli è stato consegnato, deve notificare al contribuente la cartella di pagamento". I Giudici del Palazzaccio, hanno sottolineato che "la natura perentoria dell'indicato termine (desumibile anche dalla funzione che al termine stesso è assegnata, nella specie da individuarsi all'evidenza nella necessità di non lasciare il contribuente soggetto alla verifica di cui all'art. 36 bis DPR 600/1973 esposto indefinitamente all'azione esecutiva del Fisco: Cass. 7662/1999) - determinante, ove non rispettato, la decadenza dell'A.F. dal diritto di far valere la propria pretesa - è stata autorevolmente ribadita dalla Corte Costituzionale (ordinanza n.107/1993), che in proposito ha sottolineato essere tale interpretazione l'unica costituzionalmente legittima in relazione agli artt. 3 e 24 della Costituzione".
Leggi la motivazione della sentenza
(29/06/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss