Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il tradimento non è necessariamente causa di addebito della separazione

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 10273/2004) ha stabilito che la sola relazione adulterina, nota e sopportata dall'altro coniuge, non costituisce necessariamente causa di addebito della separazione qualora, una volta cessata, sia stata superata dalle parti. I Giudici di Piazza Cavour hanno inoltre precisato che "analoga considerazione non può farsi nell'ipotesi di una relazione adulterina che duri cinque o sei anni che, se inizialmente sopportata, può essere causa del fallimento del matrimonio a causa del suo protrarsi, posto che nessun coniuge è tenuto a sopportare per un tempo indefinito una situazione che necessariamente incide sul rapporto di fiducia che deve sussistere all'interno della coppia".
Leggi la motivazione della sentenza
(28/06/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: compensi uguali per gli avvocati
» Bollette luce e gas: le novità da luglio
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Separazione dei beni ed eredit
» Ricerca beni da pignorare: ecco le linee guida di Milano

Newsletter f t in Rss