Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cani aggressivi? Ecco quando lecita difesa preventiva

Difesa preventiva contro i cani aggressivi? Puo' essere messa in atto soltanto se la ''probabilita' di aggressione'' del cane e' 'alta'. Diversamente si va incontro ad una condanna penale per il reato di 'maltrattamento di animali'. A stabilire sin dove un cittadino puo' spingersi per difendersi dalle aggressioni dei quattro zampe e' la Corte di Cassazione che ha annullato l'assoluzione accordata ad un postino piemontese. Temendo di essere aggredito dai cani, Maggiorino B., postino di Pinerolo, aveva colpito a colpi di zappa i cani di una signora dalla quale si era recato per consegnare la posta.
Una ''forma di tutela preventiva'' aveva sancito il Tribunale di Pinerolo che, nell'ottobre del 2002, aveva assolto il postino ''perche' il fatto non sussiste''. Contro l'assoluzione ha protestato in Cassazione il pm del Tribunale di Pinerolo che ha chiesto la condanna per il postino che aveva infierito sui cani. La Terza sezione penale, giudicando ''fondato'' il ricorso del pm, contrariamente alla richiesta della pubblica accusa che ne aveva chiesto il rigetto, ha disposto un nuovo esame dela vicenda, facendo notare che ''dall'esame della sentenza non risulta che fosse in atto, o comunque, che fosse molto probabile un'aggressione da parte dei cani''.
(23/06/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Fumo in spiaggia: i divieti dell'estate 2018
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Buoni pasto a rischio per migliaia di lavoratori statali
» Manifestazioni pubbliche e sagre: le nuove regole

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss