Sei in: Home » Articoli

Facebook chiama Whatsapp: arriva il "pulsante" dell'integrazione

Dopo più di un anno dal caro acquisto (quasi 20 miliardi di dollari) di Whatsapp, era scontata un'integrazione tra i due pupilli di casa Zuckerberg
facebook

di Marina Crisafi - Dopo più di un anno dal caro acquisto (quasi 20 miliardi di dollari) di Whatsapp, era scontata un'integrazione tra i due “pupilli” di casa Zuckerberg.

Secondo le indiscrezioni pubblicate da diversi blog americani, infatti, è in arrivo un pulsante che permetterà agli utenti di Facebook di condividere i post pubblicati e le notizie lette sul social direttamente coi propri contatti di Whatsapp.

Ancora in fase di test, la nuova funzione infatti vedrà apparire accanto ai consueti “Mi piace”, “Commenta”, “Condividi” anche il logo del sistema di messaggistica e il tasto “Send”.

La notizia non ha ancora ricevuto l'ufficialità da parte del quartier generale di Palo Alto, ma è chiaro l'impatto che potrà avere coinvolgendo oltre 2 miliardi di persone (1,4 miliardi di utenti di Facebook e 700 milioni di Whataspp) e consolidando il primato dell'app di messaggistica istantanea (che, proprio nei giorni scorsi ha lanciato le chiamate vocali gratuite) sui competitor (in primis, Messenger).

L'intenzione di fondo, del resto, è chiara: chi ha Facebook dovrà avere Whatsapp e viceversa, potendo scambiare messaggi e informazioni.

Inoltre, aprendo all'interazione sinergica con il social, l'app di messaggistica potrà fruire nel prossimo futuro delle medesime funzionalità innovative, puntando sulle stesse “nuove frontiere” di Facebook: lo shopping online e il trasferimento di denaro. Anche queste sono solo voci non ufficiali, sulle quali casa Zuckerberg non si è mai espressa, ma si sa, certe volte il silenzio vale più di mille parole.

(10/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF