Sei in: Home » Articoli

Procreazione assistita: impossibilità di "selezionare" i nascituri

La scelta che il legislatore ha fatto con la recente legge sulla procreazione assistita (L. 19 febbraio 2004, n.40) è quella di porre rimedio alle malattie - note o ignote - che in qualsiasi modo producono la sterilità di una coppia, consentendo a quest'ultima di avere figli, ma di averli in condizioni analoghe a come, per natura, le hanno le coppie fertili. Senza la possibilità, cioé, di selezionare i nascituri in sani e malati, eliminando questi ultimi.

(Tribunale Catania, Sent. 03/05/2004)

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
(06/06/2004 - Media Italia)
In evidenza oggi:
» Avvocati e gratuito patrocinio: compensi più equi
» Voucher lavoro: cosa cambia dopo il decreto dignità
» La diffida ad adempiere
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss