Sei in: Home » Articoli

Immigrati: per opporsi al decreto di espulsione va provata la data di ingresso

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 7668/2004) ha stabilito che lo straniero trovato in Italia senza permesso di soggiorno e che intende opporsi al decreto di espulsione amministrativa ha l'onere di provare la data di ingresso sul territorio nazionale mediante la dovuta certificazione. Questa si ottiene con l'apposizione sul passaporto del timbro d'ingresso, da parte dell'Autorità Italiana, all'atto dell'ingresso nel Paese. I Giudici della Corte hanno precisato che "l'avere lo straniero già conseguito visto d'ingresso da un altro paese dell'area di Schengen" non lo esime dall'osservare l'onere in discorso, "posto che altro è il suo diritto all'accesso in base al visto uniforme di cui all'art. 13 c. 2 legge 388/93 di rafitica dell'accordo di Schengen 14/6/85 ed altro è la mera registrazione della data del suo ingresso, necessaria perché, da quella data ed entro otto giorni, il soggetto regolarmente entrato possa chiedere il titolo di soggiorno".
(31/05/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF