Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegno di separazione e divorzio e sopraggiunta ereditÓ

Anche la disponibilitÓ patrimoniale acquisita in via ereditaria costituisce voce reddituale e pu˛ essere considerata per la determinazione dell'assegno divorzile
divorzio separazione
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 4285 del 3 marzo 2015.

E' principio affermato da giurisprudenza costante e risalente che obiettivo dell'istituto dell'assegno di mantenimento sia quello di consentire al coniuge "parte debole" di mantenere il medesimo tenore di vita goduto in pendenza di matrimonio.

E' anche assodato che "l'importo dell'assegno di separazione pu˛ essere oggetto del prudente apprezzamento del giudice, anche al fine della ricostruzione del tenore di vita della famiglia, durante la convivenza coniugale".

Le medesime condizioni economiche dei coniugi, dotate del requisito dell'attualitÓ - rispetto al momento in cui il giudice esamina la questione - sono elemento di valutazione che il giudice adopera nella determinazione dell'assegno divorzile.

"In tal senso, come afferma la giurisprudenza di questa Corte, anche la disponibilitÓ patrimoniale acquisita in via ereditaria, costituente in ogni caso voce reddituale, pu˛ essere a tal fine considerata".

L'ordinanza chiarisce anche che gli assegni di separazione e divorzio sono tra loro differenti, "per presupposti, caratteri e finalitÓ" ma "l'importo dell'assegno di separazione pu˛ essere oggetto del prudente apprezzamento del giudice, anche ai fini della ricostruzione del tenore di vita della famiglia durante la convivenza coniugale".

Nel caso di specie si pronuncia direttamente la sesta sezione della Cassazione, cd. "sezione filtro", data la manifesta infondatezza del ricorso proposto dall'ex coniuge, il quale, a fronte di condanna al pagamento di assegno di mantenimento di 4000 euro mensili, aveva impugnato la sentenza di merito.

"La valutazione in sede di divorzio non si limita a considerare gli elementi di novitÓ, ma prevede un riesame autonomo della posizione economica dei coniugi"; essendo la motivazione del giudice del merito esente da ogni tipo di vizio - avendo lo stesso riscontrato come, nel periodo successivo la separazione, le condizioni economiche del marito siano sensibilmente migliorate, essendo dunque la quantificazione dell'assegno fondata su riscontri oggettivi e documentati - il ricorso non pu˛ che essere rigettato.
Vai al testo dell'ordinanza 4285/2015
(09/03/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilitÓ disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss