Sei in: Home » Articoli

Rimedio anti-disoccupazione: a Napoli nasce l'ufficio “informazioni a piacere”

Un ufficio così poteva nascere solo a Napoli, dove l'originalità e l'inventiva sono proverbiali in tutto il mondo.
Una immagine di Totò che fa lo scrivano dal film

- di Marina Crisafi - Un ufficio così poteva nascere solo a Napoli, dove l'originalità e l'inventiva sono proverbiali in tutto il mondo.  Infatti, a creare questo nuovo “mestiere” è stato proprio un disoccupato napoletano che con apposito cartello al collo, “Ufficio informazioni a piacere”, cappellino o improbabili parrucche colorate (in base alla giornata), svolge la propria attività davanti all'ingresso del Palazzo di Giustizia partenopeo, fornendo informazioni di ogni genere a chiunque ne abbia necessità: dal come raggiungere un particolare ufficio del centro direzionale sino agli orari degli autobus.

Anche il pagamento è come il servizio “a piacere”. Chi vuole, infatti, può lasciare una mancia per l'informazione ricevuta.

Se serve, poi, è in grado di fornire anche fazzoletti, accendini, ombrelli, blocchetti e penne.

È proprio vendendo questa merce che Francesco Imparato (questo il nome dell'ambulante “precario”) ha messo in pratica la propria idea anticrisi.

Notando che gli utenti del tribunale gli si avvicinavano più per chiedere indicazioni che per acquistare i suoi prodotti, ha deciso di mettersi il cartello al collo: “Ufficio informazioni a piacere”.

53 anni, moglie e quattro figli a carico, Imparato fino a qualche anno fa faceva il banconista in un negozio di stoffe, poi rimasto senza lavoro e non riuscendo a trovare un'altra occupazione, si è rimboccato le maniche e si è inventato un'attività per portare qualcosa a casa, nell'attesa che si apra qualche altra prospettiva.

L'attività è stata avviata nel maggio scorso, come riportato dall'Ansa e ora il video dell'”impiegato itinerante”, ennesima vittima della crisi che ha colpito il Paese, sta spopolando sul web. E chissà che altri non prendano esempio, fornendo informazioni a piacere, ma molto utili, anche negli altri tribunali italiani. 


(27/01/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Benzina: la tassa regionale va eliminata
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss