Sei in: Home » Articoli

Determinazione dell?assegno al coniuge separato

Ai fini della determinazione dell?assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge separato non è necessario un accertamento dei rispettivi redditi nel loro esatto ammontare essendo sufficiente una ricostruzione attendibile della situazione patrimoniale complessiva di entrambi i coniugi. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione (Sent.3974/2002) spiegando che la valutazione dell?adeguatezza dell?assegno va fatta in considerazione delle potenzialità economiche complessive dei coniugi.
La stessa Corte, peraltro, con sentenza 3975/2002, ha voluto precisare che la valutazione sull?attitudine al lavoro del coniuge separato può assumere rilievo, al fine di determinare la sua capacità di guadagno, solo se sussista una effettiva possibilità di svolgere un?attività lavorativa retribuita, tenuto conto di tutti i fattori individuali e ambientali, non potendosi considerare sufficienti delle mere considerazioni astratte e ipotetiche.
(06/05/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF