Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la sentenza Ŕ nulla se non c'Ŕ la doppia firma del presidente e del relatore. Il giudizio d'appello Ŕ da rifare

La sentenza emessa dal giudice collegiale necessita della sottoscrizione del giudice relatore e del presidente (Cassazione ordinanza n. 26328/2014)
Facciata del palazzo della cassazione

La sentenza emessa dal giudice collegiale, per la sua validitÓ, necessita della sottoscrizione sia del giudice relatore che del presidente.

╚ quanto ribadito dalla Corte di Cassazione (ordinanza n. 26328 del 15 dicembre 2014), accogliendo il ricorso di una societÓ contro la decisione della Corte d'Appello di Lecce che aveva dichiarato l'improcedibilitÓ dell'opposizione a decreto ingiuntivo e rigettato la domanda riconvenzionale della stessa, fallita nelle more del giudizio.

Avverso la suddetta sentenza, la societÓ ricorreva per Cassazione eccependo la nullitÓ insanabile della sentenza ex art. 161 c.p.c. per violazione dell'art. 132, 1░ comma, n. 5 e 2░ comma c.p.c. in quanto priva della sottoscrizione del presidente.

La Cassazione concorda ma mette i paletti.

╚ vero, infatti, hanno affermato i giudici di legittimitÓ, che l'art. 132, primo  comma n. 5 c.p.c. prescrive fra gli elementi necessari per la validitÓ della sentenza, la sottoscrizione del giudice e che, in caso di sentenza emessa dal giudice collegiale, come specifica il secondo comma, Ŕ necessaria, ai fini della validitÓ la doppia sottoscrizione del giudice relatore e del presidente.

Tuttavia, la nullitÓ inficiante la sentenza mancante di una delle due sottoscrizioni Ŕ relativa e non assoluta.

Difatti, la questione Ŕ stata risolta dalle Sezioni Unite, hanno ricordato i giudici della S.C., con sentenza n. 11021 del 20 maggio 2014, enunciando il principio di diritto secondo il quale ôla sentenza collegiale del giudice civile priva di una delle due sottoscrizioni (del presidente del collegio, ovvero dal giudice relatore Ŕ affetta la nullitÓ sanabile, ai sensi dell'art. 161, primo comma, c.p.c., trattandosi di sottoscrizione insufficiente e non mancante, data la possibilitÓ di ricondurla all'organo giudicante che l'ha pronunciataö.

Su questo assunto, la S.C. ha cassato la sentenza e rinviato al giudice collegiale in diversa composizione per un nuovo giudizio.

Cassazione Civile, testo ordinanza 15 dicembre 2014, n. 26328
(17/12/2014 - Marina Crisafi)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF