Sei in: Home » Articoli

Determinati i flussi d'ingresso per i lavoratori dei nuovi Stati membri dell'Ue

Con D.P.C.M. 20 aprile 2004 sono stati programmati i flussi d'ingresso per i lavoratori cittadini dei nuovi Stati membri dell'Unione europea nel territorio dello Stato per l'anno 2004. Il provvedimento si è reso necessario in seguito all'adesione all'Unione europea di nuovi 10 stati membri, dal momento che per il 1° bienno a partire dal 1° maggio 2004 non è applicabile la disciplina del Reg. (CEE) 15 ottobre 1968 n. 1612 che consente la libera circolazione dei cittadini dell'Ue negli altri stati mebri per l'esercizio di attività di lavoro subordinato. Per il 2004 sono ammessi per motivi di lavoro subordinato 20.000 unità provenienti dagli stati di nuova adesione in aggiunta a coloro già ammessi con i provvedimenti del 19 dicembre 2003.

(D.P.C.M. 20/04/2004, G.U. 03/05/2004, 102)

(News pubblicata su autorizzazione di www.leggiditalia.it)
(09/05/2004 - Media Italia)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss