Sei in: Home » Articoli

Sanità: Rimborsabili le spese mediche in luoghi di cura non convenzionati

Con Sentenza n. 4647/02, la Corte di Cassazione ha stabilito il principio della rimborsabilità delle spese mediche sostenute dai privati cittadini che, in situazioni di particolare urgenza e necessità, si rivolgano in luoghi di cura non convenzionati con il Servizio Pubblico qualora quest'ultimo si trovi nell'impossibilità di farvi fronte.
Naturalmente, ai fini della risarcibilità, "condicio sine qua non" è l'esistenza di una previa autorizzazione rilasciata dalla Asl di competenza che attesti, per l'appunto, l'impossibilità di interventi sanitari adeguati al caso concreto.
Nell'impianto motivazionale, i Giudici evidenziano inoltre come il diritto al rimborso delle spese, si configuri come un vero e proprio diritto soggettivo di ogni individuo "autorizzato", e ciò in quanto il ricovero in luoghi alternativi sia ".. reso necessario in situazioni d'urgenza comportanti pericolo di vita o di aggravamento della malattia".
Il diritto alla salute e a ricevere cure ed assistenza, infatti, non può venire meno o risultare affievolito per una sorta di incapacità o impossibilità del Servizio Sanitario Nazionale.
(03/05/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» La sospensione condizionale della pena
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni

Newsletter f g+ t in Rss