Sei in: Home » Articoli

Cassazione. Rinviata al 18 dicembre la sentenza "Lea Garofalo"

Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione

Era una donna forte e coraggiosa Lea Garofalo, 35enne calabrese che aveva avuto l''ardire' di denunciare una faida di 'Ndrangheta che vedeva coinvolto il proprio compagno, divenendo collaboratrice di giustizia. 

Un affronto che non si perdona presso certi ambienti. Così, dopo un primo tentativo di sequestro andato a vuoto nel maggio del 2009, l'incontro nel novembre dello stesso anno con il suo ex e il fratello di lui le fu fatale: Lea fu uccisa, e il suo corpo – i cui pochi resti furono rinvenuti solo a distanza di 3 anni – dato alle fiamme e gettato all'interno di un tombino di un magazzino di Monza. 

La sentenza che avrebbe dovuto chiudere il terzo grado di giudizio contro gli imputati (oltre all'ex compagno e al cognato – Carlo e Vito Cosco – anche: Rosario Curcio, Massimo Sabatino e Carmine Venturino), prevista per il 5 dicembre scorso, è adesso slittata al prossimo 18 dicembre. 

Il sostituto Procuratore Generale Massimo Galli ha chiesto la conferma delle condanne inflitte in Appello: ergastolo per i Cosco, Curcio e Sabatino, e 25 anni per Carmine Venturino.


(06/12/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF