Sei in: Home » Articoli

Cassazione. Rinviata al 18 dicembre la sentenza "Lea Garofalo"

Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione

Era una donna forte e coraggiosa Lea Garofalo, 35enne calabrese che aveva avuto l''ardire' di denunciare una faida di 'Ndrangheta che vedeva coinvolto il proprio compagno, divenendo collaboratrice di giustizia. 

Un affronto che non si perdona presso certi ambienti. Così, dopo un primo tentativo di sequestro andato a vuoto nel maggio del 2009, l'incontro nel novembre dello stesso anno con il suo ex e il fratello di lui le fu fatale: Lea fu uccisa, e il suo corpo – i cui pochi resti furono rinvenuti solo a distanza di 3 anni – dato alle fiamme e gettato all'interno di un tombino di un magazzino di Monza. 

La sentenza che avrebbe dovuto chiudere il terzo grado di giudizio contro gli imputati (oltre all'ex compagno e al cognato – Carlo e Vito Cosco – anche: Rosario Curcio, Massimo Sabatino e Carmine Venturino), prevista per il 5 dicembre scorso, è adesso slittata al prossimo 18 dicembre. 

Il sostituto Procuratore Generale Massimo Galli ha chiesto la conferma delle condanne inflitte in Appello: ergastolo per i Cosco, Curcio e Sabatino, e 25 anni per Carmine Venturino.


(06/12/2014 - Mara M.)
In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss