Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Cassazione: nesso di causalità e danni nella responsabilità professionale medica

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 4400/2004) ha stabilito che "per ritenere sussistente il nesso causale tra l'inadempimento del professionista ed il danno patito dal cliente occorre stabilire se, qualora Ìinadempimento fosse mancato, il cliente avrebbe conseguito il risultato sperato; tale accertamento, avendo ad oggetto fatti che non si sono verificati non possono più verificarsi, deve fondarsi non su un giudizio di certezza assoluta, ma anche soltanto di ragionevole probabilità". I Giudici di Piazza Cavour, nello stesso provvedimento, hanno inoltre precisato che "in tema di responsabilità medica, costituisce danno risarcibile in favore del paziente (o dei suoi eredi) non solo la perduta possibilità, in conseguenza dell'omissione colposa da parte del medico, di una guarigione certa, ma anche la perduta possibilità di una guarigione eventuale; quest'ultimo danno, consistente nella perdita delle chance di sopravvivenza, è ontologicamente diverso dal danno consistente nella perdita del risultato sperato, e va liquidato equitativamente in misura inferiore rispetto a quello".
(04/05/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss