Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nesso di causalitÓ e danni nella responsabilitÓ professionale medica

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 4400/2004) ha stabilito che "per ritenere sussistente il nesso causale tra l'inadempimento del professionista ed il danno patito dal cliente occorre stabilire se, qualora ╠inadempimento fosse mancato, il cliente avrebbe conseguito il risultato sperato; tale accertamento, avendo ad oggetto fatti che non si sono verificati non possono pi¨ verificarsi, deve fondarsi non su un giudizio di certezza assoluta, ma anche soltanto di ragionevole probabilitÓ". I Giudici di Piazza Cavour, nello stesso provvedimento, hanno inoltre precisato che "in tema di responsabilitÓ medica, costituisce danno risarcibile in favore del paziente (o dei suoi eredi) non solo la perduta possibilitÓ, in conseguenza dell'omissione colposa da parte del medico, di una guarigione certa, ma anche la perduta possibilitÓ di una guarigione eventuale; quest'ultimo danno, consistente nella perdita delle chance di sopravvivenza, Ŕ ontologicamente diverso dal danno consistente nella perdita del risultato sperato, e va liquidato equitativamente in misura inferiore rispetto a quello".
(04/05/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Divorzio: per i figli vale sempre il tenore di vita
» Cassazione: saluto fascista non Ŕ reato se commemorativo
» Il contratto di francising
» Flat tax: che cos'Ŕ e come funziona
» Cassazione: reato per chi rivela la relazione con una donna sposata


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss