Sei in: Home » Articoli

Riforma 'carceri': limitare il ricorso alla custodia carceraria

prigioniera carcere detenuta

Introdurre maggiori e più stringenti vincoli alla custodia cautelare in carcere. Questo è stato il leitmotiv della discussione tenutasi l'altroieri in Parlamento intorno alla riforma “carceri”, che – approvata in terza lettura dalla Camera – torna adesso ai Senatori per l'approvazione di alcune piccole correzioni.  

L'intento principale è quello di abbattere il numero dei detenuti in attesa di giudizio – ad oggi poco meno di 19.000 su un totale di circa 54.000 carcerati; ma, come sottolineato da Anna Rossomando (Pd) - relatrice del provvedimento, la riforma mira anche restituire alla custodia carceraria la sua originaria funzione cautelare, scollegandola dall'idea – ormai fortemente radicata nell'opinione comune – che essa costituisca una sorta di anticipo di pena. A questo scopo, i principali strumenti di cui intende avvalersi tale legge saranno: obbligo di valutazione approfondita circa la sussistenza delle esigenze cautelari, con un deciso favor verso la scelta di misure extracarcerarie; norme più incisive sull'obbligo di motivazione da parte il giudice; riforma dei procedimenti di riesame e di appello; potenziamento delle misure interdittive. 

Accennando brevemente ai punti di maggiore impatto della riforma, si sa ad esempio che: l'elemento del pericolo di fuga o di ripetizione del reato dovrà essere oltre che concreto (come è adesso) anche attuale per poter giustificare l'adozione di una misura carceraria, e che la valutazione del singolo caso dovrà estendersi anche ai comportamenti – precedenti penali e non solo – e alla personalità del soggetto.

(06/12/2014 - Mara M.)
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss