Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Arresti domiciliari: beccato vicino alla porta di casa mentre recuperava l'animale domestico in fuga. Anche se nel condominio, è evasione

Così ha deciso la Corte di Cassazione, con sentenza n. 49794 del 28 novembre 2014
Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione

“Il reato di evasione nell'ipotesi di arresti presso il domicilio sussiste in tutti i casi di allontanamento dalla pertinenza esclusiva della persona sottososta alla misura, ed include nella sua modalità attuativa anche la presenza nei luoghi condominiali”.

Così la Corte di Cassazione, con sentenza n. 49794 del 28 novembre 2014, ha confermato la condanna di un soggetto imputato del reato di evasione per essersi allontanato da casa al fine di recuperare l'animale domestico in fuga in compagnia di un cugino.

Concordando con la sentenza del Tribunale di Roma che - in parziale accoglimento del riesame proposto dalla difesa, avverso il provvedimento del Gip che aveva applicato la custodia cautelare in carcere per il reato di evasione - disponeva nei confronti dell'imputato la misura degli arresti domiciliari, con limitazioni di contatti con persone diverse dal nucleo di familiari conviventi, la Corte ha infatti considerato infondate le doglianze dell'imputato.

Ai fini dell'integrazione del reato de quo, infatti, è sufficiente, ha affermato la Corte ribadendo l'indirizzo consolidato della giurisprudenza, che l'imputato si sia allontanato dall'abitazione, a nulla rilevando, la sua permanenza nei luoghi condominiali e, in particolare la “minima distanza spaziale intercorrente tra la porta dell'abitazione dell'interessato e il luogo ove questo venne sorpreso in compagnia del cugino”. Né, altresì, al fine dell'esclusione della gravità indiziaria del reato, può avere rilievo, ha concluso la sesta sezione penale rigettando il ricorso, “la considerazione dell'accidentalità dell'uscita dall'abitazione, secondo la difesa causata dalla fuga dell'animale domestico”. 

Cassazione Penale, testo sentenza 28 novembre 2014, n. 49794
(03/12/2014 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss