Sei in: Home » Articoli

'Adozioni' gay: il Tribunale di Bologna sospende il giudizio. La decisione passa alla Consulta

I giudici del capoluogo emiliano-romagnolo hanno scelto una posizione neutrale rimettendo la questione alla Corte Costituzionale
omosessuali

A conferma che le sentenze di merito non fanno precedente (nemmeno in via "di fatto"), il Tribunale per i Minorenni di Bologna non ha seguito la scia di quanto deciso pochi mesi fa dall'omologo Tribunale di Roma su di un caso del tutto analogo. 

Si tratta della spinosa questione delle "adozioni gay", o per meglio dire, della riconoscibilità, ad opera di uno dei due conviventi, del figlio naturale dell'altro

Sul finire della scorsa estate, aveva suscitato scalpore la sentenza del Tribunale per i Minorenni di Roma che, con la firma della presidente Melita Cavallo, aveva concesso l'adozione di una bimba nata con fecondazione assistita alla compagna - donna - della madre naturale della piccola. 

Adesso, i giudici del capoluogo emiliano-romagnolo, chiamati a decidere su una faccenda molto simile, hanno invece scelto una posizione "neutrale", rimettendo la questione alla Corte Costituzionale

In particolare, il caso de quo vede coinvolte due donne statunitensi, che in patria "condividono" due figli minori. Stabilitesi in Italia da qualche anno, le stesse hanno richiesto al Tribunale territorialmente competente la delibazione della sentenza americana che aveva permesso loro di adottare reciprocamente l'una il figlio biologico dell'altra. Ma i giudici di merito hanno sospeso il giudizio, affidando alla Consulta il compito di pronunciarsi sulla legittimità costituzionale degli artt. 33 e 36 della Legge 184/1983 (adozione e affidamento dei minori) nella parte in cui non consentono al giudice di valutare se risponda all'interesse del minore adottato il riconoscimento della sentenza straniera che abbia pronunciato la sua adozione in favore del coniuge del genitore.
(14/11/2014 - Mara M.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss