La Corte Costituzionale, con sentenza n. 34/04, ha stabilito che l'accesso ad un concorso pubblico può essere condizionato al possesso di requisiti fissati in base alla legge anche allo scopo di consolidare pregresse esperienze lavorative maturate nell'ambito dell'amministrazione. Tuttavia, nel rispetto dell’interesse pubblico sancito dall’art. 97, 3° co. Cost., tale accesso in forza di norme di privilegio non può essere incondizionato, ossia tale da escludere o ridurre in maniera irragionevole le possibilità di accesso per tutti gli altri aspiranti, con violazione del carattere "pubblico" del concorso.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: