Sei in: Home » Articoli

Striscioni offensivi negli stadi

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione, con sentenza depositata lo scorso 27 febbraio, ha stabilito che esporre striscioni con scritte offensive non equivale di per sé a incitare la violenza. La decisione è stata presa dopo l’entrata in vigore del decreto contro la violenza negli stadi (Dl. n. 336/01, convertito con modifiche nella L. n. 377/01). La Corte, con la citata sentenza, ha rilevato che in base all’art. 2-bis (da considerarsi norma di interpretazione autentica) l’istigazione alla violenza deve essere specifica e non può quindi ravvisarsi in una scritta che contenga soltanto espressioni offensive generiche.
(19/04/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss