Sei in: Home » Articoli

Cassazione: natura dell'amministrazione di sostegno e valutazione giudiziale di conformità

invalido handicap disabile

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 7999 del 4 Aprile 2014. A differenza delle figure del tutore (per l'interdetto) e del curatore (per l'inabilitato, art. 424 cod. civ.) l'amministratore di sostegno ha il compito di sostenere il soggetto, che si trovi nell'incapacità, permanente o temporanea, di provvedere ai propri interessi. L'amministrazione di sostegno è quindi uno strumento di assistenza flessibile e mirato. La differenza rispetto agli altri due istituti sopra menzionati non risiede tanto nel grado di infermità del soggetto beneficiario, quanto nel minor sacrificio possibile della capacità di agire dell'interessato.

Nel caso in oggetto il tutore di persona interdetta, a seguito di miglioramento delle condizioni di salute della sua assistita, ha domandato la revoca dell'interdizione al fine di assegnare all'interessata un curatore. A seguito di successiva domanda di assegnazione di amministratore di sostegno, il giudice del merito ha negato che le condizioni di salute dell'interessata fossero tali da consentire la sostituzione del curatore; avverso tale decisione i parenti dell'interessata hanno proposto ricorso in Cassazione. La Suprema Corte, nel dichiarare il ricorso inammissibile, conferma come sia onere del giudice valutare, nel merito, la conformità della misura dell'amministrazione di sostegno rispetto alle esigenze del caso concreto. Tale valutazione si basa essenzialmente sulla tipologia di attività che l'amministratore è tenuto a compiere nell'interesse del beneficiario, considerata altresì la durata e la gravità dell'infermità, unitamente alla natura e alla durata dell'impedimento. La valutazione, ove compiutamente motivata, non può essere oggetto di sindacato da parte del giudice di legittimità.

Vedi anche: L'amministratore di sostegno nell'ordinamento giuridico italiano 

 
Vai al testo della sentenza 7999/2014
(13/04/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Processo civile: compensazione delle spese più estesa
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss