Sei in: Home » Articoli

Società: Cassazione, illegittima la delibera di aumento di capitale se si è taciuta la reale situazione patrimoniale

calcolatore tariffe calcolatice soldi fisco commercialista

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, sentenza n. 6856 del 24 Marzo 2014. Nel caso in oggetto uno dei soci di società operante nel settore sanitario ha impugnato la delibera assembleare di aumento del capitale lamentando la sua illegittimità poiché si sarebbe taciuta la reale situazione patrimoniale della stessa e si sarebbe dovuto necessariamente procedere ad una previa reintegrazione di capitale eroso dalle perdite. Denuncia inoltre gravi irregolarità di bilancio. L'impugnazione veniva però respinta sia in primo che in secondo grado di giudizio. Ricorre allora l'interessata in Cassazione lamentando violazione di legge: il giudice del merito, sulla base degli elementi prodotti in corso di causa, sarebbe giunto a conclusione illogica.

La corte di cassazione ha riconosciuto che in linea teorica il ragionamento del ricorrente deve ritenersi corretto ma, sul piano probatorio esso non ha trovato riscontro oggettivo. 

Afferma la Suprema Corte come “per poter dichiarare la nullità di una delibera di aumento di capitale, occorre accertare la falsità della situazione patrimoniale messa a disposizione dei soci per consentire loro di deliberare conoscendo la effettiva situazione della società”. 

Prima di poter procedere alla dichiarazione di nullità tale elemento – la falsità della situazione patrimoniale – deve essere stato dimostrato. Infatti “per poter provare la dedotta falsità della relazione patrimoniale, l'appellante avrebbe dovuto produrre copia della relazione che invece non si rinviene agli atti”. La ricorrente, nei gradi di merito, non avrebbe mai provato le summenzionate gravi irregolarità contabili. Il giudice d'appello ha congruamente motivato la propria decisione proprio sulla base del mancato assolvimento dell'onere della prova; inoltre, i quesiti di diritto non sarebbero stati formulati in maniera corretta. Il ricorso è dichiarato inammissibile.


Vai al testo della sentenza 68562014
(05/04/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF