Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Sciopero avvocati: Sezioni Unite, salvo 'casi indifferibili' l'udienza va rinviata

Condividi
Seguici

avvocato libri id10506

Quando l'avvocato sciopera, il giudice deve rinviare l'udienza, salvo che "sussistano situazioni che rendano indifferibile la trattazione del processo". È quanto hanno affermato le Sezioni Unite penali della Cassazione, con l'informativa provvisoria n. 5 del 27 marzo 2014

La Suprema Corte era stata chiamata a pronunciarsi, sul ricorso n. 7888/2013, rimesso dalla quinta sezione penale, per chiarire "se, anche dopo l'emanazione del codice di autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati, adottato il 4 aprile 2007 e ritenuto idoneo dalla Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi essenziali con delibera del 13 dicembre 2007, permanga il potere del giudice - in caso di adesione del difensore all'astensione - di disporre la prosecuzione del giudizio, in presenza di esigenze di giustizia non contemplate nel codice suddetto". 

Un chiarimento reso necessario per stabilire esattamente la cogenza e l'ambito di operatività della normativa autoregolamentare, emanata in attuazione della l. n. 146/90, considerato da una parte, l'orientamento delle stesse Sezioni Unite che l'hanno definita una "normativa secondaria" alla quale doversi conformare, senza specificare se è solo il difensore o anche il giudice a dovervisi attenere e, dall'altra, la controversa sentenza che, sulla scorta di un'interpretazione estensiva delle "prestazioni indispensabili" in materia penale previste dalla l. n. 146/90 ha individuato nell'interesse di un teste proveniente da lontano ad essere escusso, una ulteriore situazione, rispetto a quelle previste dal codice, per legittimare la prosecuzione del giudizio nonostante l'adesione del difensore allo sciopero

La Corte ha, quindi, sciolto l'ardua prognosi esprimendosi negativamente. 

La decisione è stata salutata con favore dai penalisti e dall'Unione delle Camere Penali, poiché ha sancito, seppur con il margine discrezionale dell'indifferibilità, l'importanza del contemperamento degli interessi in gioco meritevoli di tutela: da un lato, la ragionevole durata del processo; dall'altro, i diritti e le libertà dell'intera categoria, garantiti costituzionalmente.

(29/03/2014 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: reato le battute sessuali insistenti alle colleghe
» Limite contanti: da luglio multe fino a 50mila euro

Newsletter f t in Rss