Sei in: Home » Articoli

Cassazione: compensi per la cessione di diritti di immagine e contribuzione

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. n. 1585/2004) ha stabilito che non sono soggetti a contribuzione previdenziale i corrispettivi dovuti per contratto al lavoratore dello spettacolo per la cessione dei diritti di immagine o connessi al diritto d'autore per la qualità di esecutore o interprete in registrazioni audiovisive. I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che tali corrispettivi non costituiscono "compensi differiti per l'attività di spettacolo, che è solo quella dal vivo, ma corrispettivo della cessione di diritti assoluti riconosciuti dagli articoli 10 e 2579 Cc e disciplinati dagli articoli 73, 80-85 e 96 della legge 633/41 e successive modificazioni sul diritto d?autore".
(26/02/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss