Sei in: Home » Articoli

Lo stalking reciproco: maggiori cautele da parte del giudice quando i coniugi si offendono a vicenda

Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione
Avv. Maria Rando
silvia.rando@yahoo.it
Nuove prospettive per la punibilità dello stalking, reato che è espressione del cambiamento dei tempi, dell'evoluzione dei rapporti umani, delle dinamiche di coppia e familiari. Recentissima è la sentenza che delinea la figura in termini di reciprocità delle offese

Cosa cambia? Qual è il nuovo ruolo del Giudice dinanzi a questi casi? 
La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 45648/2013 ha deciso che, quando entrambi i coniugi si molestano reciprocamente, la figura degli atti persecutori si configura lo stesso, ma dovrà essere valutata con maggiore accuratezza

Il Giudice deve motivare le proprie decisioni sulla base dell'effettivo danno subito dall'offeso, verificando lo stato d'ansia o di paura, il reale timore per l'incolumità propria o di persone vicine e il cambiamento forzato delle abitudini di vita. 

La predominanza di uno dei coniugi può essere valutata dal Giudice come atteggiamento molesto e punibile, che porta la vittima solo ad una reazione legittima e non punibile.
Avv. Maria Rando, avvocato civilista, Taranto
Vedi anche:
La guida completa sul reato di stalking
(13/02/2014 - Avv.Maria Rando)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss