Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Cassazione: differenze tra danno da mobbing e danno alla professionalitą. Ecco il testo della sentenza

mobbing lavoro

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 172 dell'8 Gennaio 2014. In tema di tutela del lavoro il danno alla professionalitą č circostanza ben differente dal danno psichico e fisico causato dal mobbing; se il secondo consiste nella sofferenza del soggetto causata da trattamenti umanamente degradanti ad opera di superiori gerarchici o da colleghi in genere, il danno professionale č espressamente collegato al demansionamento del lavoratore, protratto nel tempo. Comportamento che puņ nello specifico comportare una perdita di opportunitą lavorative per il dipendente. Le due figure sono quindi ben distinte e l'accertamento dell'una non implica automatica insorgenza dell'obbligo di risarcimento del danno anche per l'altra.


Nel caso di specie il giudice ha accertato l'evento mobbing a carico del ricorrente – nella specie, provvedimenti disciplinari privi di fondamento e trasferimenti illegittimi - al quale č stato riconosciuto il risarcimento del danno biologico. Il fatto che il giudice del merito abbia accolto la domanda di risarcimento relativa al mobbing mentre abbia rigettato quella collegata al danno alla professionalitą, secondo la Suprema Corte, non č assolutamente illogico; la circostanza del demansionamento va provata (cosa in questo caso non avvenuta) e l'onere della prova resta pur sempre a carico del dipendente. Il ricorso proposto dal dipendente interessato, proposto impugnando la sentenza d'appello di accoglimento parziale, č quindi rigettato dalla Corte di Cassazione.


Vai al testo della sentenza 172/2014
(13/01/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Conto corrente gratis in vigore
» Tribunale Bari: stop processi fino al 30 settembre
» L'archiviazione del giudizio
» La ricerca telematica dei beni del debitore
» Assicurazioni: al via la risoluzione stragiudiziale delle liti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss