Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

INPS: istruzioni operative per una corretta denuncia sul modello DMAG delle giornate di congedo fruite, nel corso del trimestre, per i soli OTI

inps

Con la Circ. 23 dicembre 2013 n. 181 l'INPS fornisce le istruzioni operative per una corretta denuncia sul modello DMAG, a decorrere dalla competenza del I° trimestre 2013, delle giornate di congedo fruite, nel corso del trimestre, per i soli OTI.

L'Istituto chiarisce che "con la dichiarazione trimestrale DMAG relativa al IV° trimestre 2013, i datori di lavoro che anticipano le prestazioni in oggetto, potranno indicare, attraverso una denuncia di tipo P (principale) - S (sostitutiva) - V (di variazione), per ogni singolo lavoratore beneficiario dell'anticipazione, nel quadro "F", relativamente al "tipo retribuzione ", una delle seguenti lettere:

 - b: per denunciare se è stata anticipata la prestazione per le giornate di "congedo obbligatorio" del padre lavoratore dipendente

- d: per denunciare se è stata anticipata la prestazione per le giornate di "congedo facoltativo" del padre lavoratore dipendente.

 Per ciascuna di esse occorrerà, inoltre, avvalorare:

 - campo "giorni" - il numero dei giorni per i quali è stata erogata la prestazione,

- campo "retribuzione" - l'importo delle prestazioni anticipate per l'evento di cui alle lettere di nuova istituzione."

Si legge infine nella circolare che "come per le altre prestazioni anticipate, il datore di lavoro dovrà sottoscrivere la seguente dichiarazione: «il sottoscritto dichiara che gli importi anticipati esposti nel quadro F, campo retribuzione, sono stati effettivamente anticipati al lavoratore, sono stati determinati in conformità alle vigenti disposizioni di legge e la relativa documentazione è custodita in azienda»".

(31/12/2013 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Arriva la riforma del processo civile
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss